venerdì 11 maggio 2012

Due ricette contro il caldo... evviva Y. Ottolenghi!

Queste due ricette le ho preparate lo scorso w.e. in previsione delle cene della settimana; tra i vari impegni trovare qualcosa di già pronto in frigorifero può salvare decisamente l'umore.
Inoltre queste due insalate le ho trovate ottime sia per il sapore sia contro il caldo che avanza.
La prima è un'insalata di cous-cous e fregola (io non ho trovato la mograbiah) con vari tipi di pomodori, cotti e non, una vera esplosione di sapore.
La seconda è un'insalata di farro, peperoni e feta, con un condimento agrodolce che dona un gusto decisamente particolare.
Dell'autore delle ricette non so molto, ho conosciuto Yotam Ottolenghi grazie alle ricette tradotte e pubblicate sul blog di Francesca Spalluto, e cercando velocemente notizie su internet ho trovato giusto diversi apprezzamenti entusiastici riguardo le sue ricette, e dopo aver provato queste due ricette non posso che unirmi al coro.
Non so se questa sarà la nuova moda o tendenza dei blogs, che a periodi esaltano questo o quell'altro argomento, a volte per pura volontà di apparire altre, e questo è decisamente il caso, per mettere in luce qualcosa o qualcuno di meritevole che altrimenti non avrebbe il giusto spazio.  
Pertanto vi consiglio queste due ricette e, per riprendere una frase di Francesca dal cui blog "rubo" le ricette: "senti(re)te il suono delle campane!".
Buon w.e.!


Insalata di mograbiah e couscous di Y. Ottolenghi (Tomato party) dal blog di Francesca Spalluto


Ho provato la ricetta così com'è, ma la prossima volta proverò sicuramente i suggerimenti di Francesca che riporto qui sotto:


Considerazioni per la prossima volta: 
1. Tostare la mograbiah fino a doratura (se si usa la fregola non c'e' bisogno) 
2. Couscous. Usando uno precotto, il risultato che mi piace di piu' non e' quello che si ottiene versando l'acqua bollente sul couscous e facendo riposare quei 10 minuti. Piuttosto, mi piace versare l'acqua fredda sul couscous e dopo 10 minuti cuocerlo al vapore per 5 minuti. 
3. Usare pomodori confit nella ricetta, piuttosto che pomodori con cottura relativamente veloce come da ricetta di Ottolenghi. 
4. Rispetto alle erbe proposte, mi e' piaciuta di piu' con una rucola, come ho provato la prima volta. 
Cosi' dovrebbe venire piu' a mio gusto. 

La ricetta originale la trovate qui e la traduco cosi' com'e' 

125 g di couscous 
sale e pepe 
olio 
150 ml di acqua bollente 
150 g di fregola (o mograbiah) 
300 g di pomodori a grappolo divisi in 4 
mezzo cucchiaino di zucchero di canna 
1 cucchiaino di aceto balsamico 
150 g di pomodorini gialli 
1 cucchiaio di foglie di origano spezzettate 
1 cucchaio di foglie di dragoncello spezzettate 
2 cucchai di foglie di menta spezzettate 
1 spicchio d'aglio schiacciato 
1 pomodoro verde piccolo 
100 g di tomerries (pomodorini brevettati in olanda, minuscoli...sostituibili con ciliegini a meta') 


Forno a 170. Si prepara il couscous condendolo con un po' di olio e sale e versando l'acqua bollente. Si copre con la pellicola per 12 minuti e poi si sgrana, si fa raffreddare. Si fa bollire la fregola, rinfresca sotto acqua corrente e si fa asciugare. 
I pomodori si mettono su una teglia da forno con zucchero, olio e aceto, si tolgono dopo 20 minuti. Si alza la temperatura del forno a 200 e si cuociono i pomodorini gialli a meta', si condiscono con un po' di sale, olio e si infornano per 12 minuti. Si mettono a raffreddare. Si mescolano couscous e fregola, si aggiungono le erbe, l'aglio i pomodori infornati, il pomodoro verde tagliato in piccoli spcchi e i minipomodori. Si mescola delicatamente con le mani, si aggiusta il sale e si aggiunge altro olio se necessario.




Insalata di farro ai peperoni di Y. Ottolenghi sempre dal blog di Francesca


100 g di farro
2 peperoni (io uno rosso e uno giallo)
una manciatina di olive nere
un po' di timo fresco (o origano)
3 cipolline verdi affettate fini (secondo me ci vogliono almeno 2 cipolline, bianco e verde, ci stanno proprio bene)
100 g di feta a pezzettoni
Per condire
succo di un limone
3 cucchiai di olio 1 cucchiaio di miele
mezzo cucchiaino di pimento in polvere
mezzo cucchiaino di paprika affimicata
mezzo spicchio di aglio schiacciato
mezzo cucchiaino di sale

Mentre il farro cuoce, mettere i peperoni sotto il grill del forno, oppure direttamente sulla fiamma del fornello, per chi ce l'ha...io ho l'induzione.
Quando sono belli neri metterli in una ciotola, coprire di pellicola e far riposare mezz'ora. Spellare e tagliare a strisce.

Mescolare tutti gli ingredienti del condimento e tenere da parte.

Mettere in una ciotola il farro, i peperoni, le olive, l'origano, la cipollina e quasi tutto il feta. Assaggiare ed aggiustare di sale, se necessario. Versare il condimento e mescolare delicatamente. Aggiungere in sommita' altra feta e una spolverata di paprika.

E, aggiungo io, sentite il suono delle campane! 







Nessun commento: